Fiori per la mamma

festa della mamma

Maggio, il mese delle rose, è atteso in modo particolare per una festa: quella della mamma.

Questa ricorrenza sociale, molto sentita nel nostro paese rappresenta un valido spunto per affrontare e far riflettere i bambini sul valore e sul ruolo della mamma all’interno del nucleo familiare.

Nucleo che, come affermano le Indicazioni nazionale per il curricolo della scuola dell’infanzia, è il contesto più influente per lo sviluppo affettivo e cognitivo del bambino.

Organizzare a scuola momenti dedicati alla mamma è un modo per stimolare i bambini a parlare dei loro sentimenti, dei loro pensieri ma è anche un momento di gioia nel partecipare e condividere con gli altri alla realizzazione di un pensiero da dedicare a chi ci dona tanto amore.

Cosa abbiamo fatto con i nostri piccoli?

Dopo aver proposto ai bambini racconti, poesie, conversazioni stimolo e verbalizzazioni spontanee sulla figura materna è stato chiesto loro di decidere cosa avrebbero voluto realizzare per la mamma per dimostrarle tutto il loro amore.

E’emerso il desiderio di donarle dei fiori e tra i tanti proposti è stato scelto un bouquet con un bel fiocchetto.

Come procedere?

Come rendere l’attività ancora più stimolante?

Quali materiali o sussidi utilizzare?

Pensando e ripensando la scelta è ricaduta  su dei timbrini a dita di morbida gomma della Giodicart.

Perché proprio i timbri?

Abbiamo deciso di utilizzare i timbrini:

  • per stimolare la loro curiosità;
  • per aumentare l’interesse;
  • per far vivere esperienze sensoriali: vista-tatto;
  • perché sono morbidissimi;
  • per far operare scelte;
  • per esercitare la motricità fine;
  • per esercitare il tono muscolare
  • perché sono di facile utilizzo.

I piccoli si sono divertiti a toccarli, ad indossarli, a manipolare ed osservare le varie forme.

C’è chi ha preferito il timbrino a fiore, chi quello a stellina, chi quello a cerchietto e così via…

Hanno imparato, giocando, che non devono intingerli molto nella tempera e che basta una leggera pressione per vedere riprodotta la figura sul foglio.

A volte basta pochissimo per stimolare i bambini ad apprendere ed a impegnarsi in piccoli progetti con passione.

Vediamo cosa ci occorre per preparare questo delizioso pensiero per la mamma?

Occorrente:

  • Risma A4
  • Colori a tempera
  • Ciotoline
  • Timbri a dita

Esecuzione:

Riportare o stampare un disegno floreale (noi abbiamo scelto un bouquet) sui fogli A4.

Mettere a loro disposizione i colori a pastello per completare il disegno.

Disporre sul tavolo i timbrini e lasciare che i bimbi li tocchino, li manipolino e scelgano quello desiderato.

Versare nella ciotolina la tempera del colore prescelto dai piccoli.

Lasciare completare con i timbri il disegno stabilito in precedenza.

Auguri alle mamme e buon lavoro.

Maestra Maria

logo maestra maria.png

Bonus Nido 2017 INPS, 1000€ per ogni Bambino.

Senza titolo-1.jpg

Finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo per il bonus con tutti i requisiti per circoscrivere le famiglie che lo potranno richiedere.

L’atto emanato dal Governo conferma il valore e le modalità relative al Bonus Nido 2017; esso infatti varrà 1000 euro a figlio nato o adottato a partire dal 1° gennaio 2016 e verrà erogato dall’Inps su undici mensilità: ciò significa che le famiglie riceveranno circa 90 euro al mese.

Il genitore richiedente deve essere residente in Italia e avere cittadinanza italiana, di uno Stato membro UE oppure essere in possesso di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

La fruizione del bonus è sganciata dall’accertamento dell’Isee o dei redditi Irpef del genitore. Qualora si raggiunga il vincolo di bilancio previsto, l’INPS non prenderà in considerazione altre richieste.

Il contributo è corrisposto dall’Inps “direttamente al genitore richiedente dietro presentazione da parte di quest’ultimo di un’attestazione rilasciata dal pediatra di libera scelta, sulla scorta di idonea documentazione, che attesti, per l’intero anno di riferimento, l’impossibilità del bambino di frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”.

Continua al link Bonus Nido 2017 INPS.

 

Riferimento

primapaginareggio24.com

#PASSEGGIaconNOi: Peg-Pérego Book 51 Elite Modular e Book 500 Elite Modular, collezione 2017

#PASSEGGIaconNOi2.jpg

Oggi parliamo di 2 modelli molto richiesti della casa Peg-Pérego.

Sembrerebbero due passeggini molto simili ma con notevoli differenze, vediamone insieme la descrizione ufficiale.

Book 500 Elite Modular è il sistema modulare dedicato alle famiglie amanti dello stile iconico made in Italy. Book 500 Elite Modular esibisce alte prestazioni off-road per una guida agile in soli 51 cm e l’originale navetta omologata auto con maniglia integrata in ecopelle.

Book 500 Elite Modular include:
• il performante carrello Book 51 S
• il Seggiolino Pop-Up con copertina e parapioggia
• l’elegante Navetta Elite omologata auto
• il Seggiolino auto Primo Viaggio SL
• la Borsa coordinata con materassino per il cambio.

Con un unico acquisto avrai tutti gli elementi per trasportare il tuo bambino fin dalla nascita con dettagli fashion Fiat 500.

Book 51 S Elite Modular è l’elegante sistema modulare con maniglione in ecopelle e la Navetta omologata auto. Estremamente maneggevole, grazie alla tecnologia off-road, si adatta a tutti i terreni e si muove con agilità. Concepito per chi desidera un prodotto di alta sartorialità, Book 51 S Elite Modular offre prestazioni al top in soli 51 cm di larghezza, per una guida agile e comoda anche in piccoli spazi.

Book 51 S Elite Modular include:
• il performante carrello Book 51 S
• il Seggiolino Pop-Up con copertina e parapioggia
• l’elegante Navetta Elite omologata auto
• il Seggiolino auto Primo Viaggio SL
• la Borsa coordinata con materassino per il cambio.

Con un unico acquisto avrai tutti gli elementi per trasportare il tuo bambino fin dalla nascita.

Buona Scelta 😉

Per maggiori chiarimenti, consigli o per parlare direttamente con un esperto contattateci su social@gruppogiodicart.it

Dal Seme alla Pianta

Senza titolo-2.jpgLa bella stagione è arrivata, finalmente i bambini possono uscire in giardino senza avere paura di prendere freddo e senza gli ingombranti giubbotti, sciarpette, cappellini e guantini.

La primavera ci offre l’occasione di godere del tiepido sole, di incontrare simpatici animaletti e di esplorare l’ambiente circostante con i suoi meravigliosi cambiamenti.

Le uscite in giardino possono essere un valido supporto per presentare ai piccoli una interessante attività: la semina.

Ed è quello che abbiamo fatto!

L’attività si è aperta con una discussione su quanto osservato e percepito e con la presentazione di chicchi di grano e di semini di girasoli.

Si è dato inizio all’osservazione di questi piccoli tesori e alla loro conoscenza e poi si è partito con la semina. Disposti i vassoietti sul banchetto, i bambini hanno provveduto a creare un lettino con il cotone idrofilo, bagnato accuratamente, e su questo hanno disposto i semini.

Ogni mattina hanno provveduto ad innaffiare e osservare i cambiamenti, , assicurandosi che avessero ciò di cui avevano bisogno: aria, acqua, calore e luce.

Si è cercato attraverso questa attività di sviluppare nei bambini la capacità di osservare e percepire i vari aspetti della natura, per meglio comprenderla, conoscerla e rispettarla.

Durante tutta l’attività i bambini hanno memorizzato prima, e recitato poi, una deliziosa filastrocca che con il suo ritmo ha coinvolto maggiormente i piccoli rendendo le finalità più incisive e divertenti.

Chiccolino

– Chiccolino dove sei?
– Sotto terra, non lo sai?
– E lì sotto non fai nulla?
– Dormo dentro la mia culla
– Dormi sempre, ma perché?
– Voglio crescer come te.
– E se tanto crescerai,
chiccolino che farai?
– Una spiga metterò,
tanti chicchi ti darò!

di A. Cuman Pertile

I semini sono stati trapiantati in giardino e ora si attendono i girasoli e le dorate spighe di grano!

Maestra Maria

logo maestra maria.png

#PASSEGGIaconNOi: Inglesina Trilogy Optical e Otutto Deluxe, collezione 2017

#PASSEGGIaconNOi.jpg

Abbiamo deciso di pubblicare settimanalmente i passeggini più venduti e più richiesti dai nostri clienti, presentandovi le descrizioni ufficiali e vari consigli.

Oggi parliamo di 2 modelli molto richiesti della casa Inglesina.

Trilogy Optical 2017 di Inglesina è una Limited Edition del sistema modulare Trilogy. Il massimo comfort e il meglio della praticità si vestono con l’arte contemporanea.
Questa collezione limitata, arricchisce con dettagli ed “effetti ottici” appunto, i tessuti del passeggino, ispirandosi all’arte contemporanea.

Il telaio “City” (che si può scegliere tra Black o White), è il mendesimo della versione Trilogy System 2016, ma con piccole differenze che lo caratterizzano, come ad esempio i cerchioni delle ruote a raggiera.

Questa Limited Edition può essere acquistata solo in configurazione Trio.

Infine, è possibile acquistare a parte il Kit Tessile “Mono Tinta” (nei colori Total Black, Total Ecrù e Total Navy, per chi vuole cambiare e rivestire il trio con la configurazione più classica Inglesina.

Trilogy Optical si compone di:

  • Telaio passeggino a 4 ruote. Il telaio si chiude anche compreso di seduta sia in configurazione fronte strada sia fronte mamma
  • Seduta passeggino reversibile con capottina
  • Navicella con copertina
  • Seggiolino auto Huggy gruppo 0+
  • Cestello portaoggetti
  • Portabibite
  • Borsa coordinata
  • Coprigambe per passeggino
  • Parapioggia per passeggino

Il sistema trio Inglesina Otutto Deluxe 2017 è l’ideale per chi ama eleganza e tradizione, ma allo stesso tempo cerca in un trio la funzionalità. Pratico e facile da chiudere, anche con una sola mano grazie al sistema di  chiusura a ombrello brevettata da Inglesina.

Nella nuova edizione 2017 vengono introdotte 3 nuove varianti di colore: Blue, Grey e Sand e un nuovo telaio color champagne con ruote a raggi.

Adatto da 0 sino a 36 mesi si compone dei seguenti prodotti principali:

  • Telaio passeggino a 4 ruote, con possibilità di scelta tra due colorazioni in fase di acquisto: Cromato – Bianco oppure Cromato – Ardesia. Si apre e si chiude con il riporto agganciato sia fronte strada che fronte mamma.
  • Seduta passeggino reversibile con capottina.
  • Navicella Extra large.
  • Seggiolino auto Huggy gruppo 0+.
  • Borsa coordinata.
  • Supporto Standup per culla e seggiolino auto.
  • Porta bibite.
  • Coprigambe e parapioggia per passeggino.

 

Buona Scelta 😉

Per maggiori chiarimenti, consigli o per parlare direttamente con un esperto contattateci su social@gruppogiodicart.it

La caccia all’uovo di Pasqua

Senza titolo-1.png

 

Arriva dagli USA la tradizionale Caccia alle uova di Pasqua. Un divertente gioco per coinvolgere e far divertire i propri bambini all’aria aperta. La storia che viene raccontata ai bambini su questo gioco è che il birbante coniglietto pasquale si diverte a nascondere tante uova, di ogni tipo, in ogni angolo del giardino. Il momento perfetto per iniziare questa divertente caccia alle uova è nel pomeriggio dopo il pranzo di Pasqua, i bambini, muniti di cestino a tema, e magari anche di orecchie da coniglio, al segnale di via si dovranno divertire a cercare e trovare tutte le uova nascoste dal coniglio pasquale!

Molto spesso si discute sul mantenere attive le nostre tradizioni e di non farci coinvolgere e persuadere dalle tradizioni provenienti da altre culture e popoli di tendenza. E se provassimo a contestualizzarle ed affinarle alle nostre tradizioni?

Ecco come la consegna dell’uovo di cioccolato, tipica tradizione in tutte le famiglie italiane, possa diventare ancora più divertente trasformandola in un gioco.

Vediamo insieme cosa vi serve:

  • un giardino o un paio di stanze
  • tanti cestini o buste decorate a tema per quanti sono i bambini
  • tantissime uova colorate
  • nonni e zii  che possano fare da giudici o da aiuto per i più piccoli

Istruzioni:

  • dividete i bambini in gruppi, a seconda delle varie fasce d’età, e assegnate ad ognuno un colore: quello sarà il colore delle uova che dovranno scovare durante la caccia. Ovviamente, le uova del colore assegnato ai più piccoli saranno quelle che avrete posizionato nei nascondigli più semplici
  • comunicate ad ogni gruppo il numero di uova che devono trovare
  • per i bambini più grandi, potete organizzare una vera e propria caccia al tesoro con degli indizi e indovinelli che dovranno di volta in volta risolvere per trovare l’uovo successivo
  • ai bambini più piccoli è concesso avere dei suggeritori, i nonni possono ricoprire questo ruolo
  • i bambini dovranno porre le uova nei loro cestini, che vi porteranno quando avranno trovato tutte le uova
  • vince il gruppo che le trova tutte nel minor tempo
  • sui premi avete carta bianca: giocattoli, uova di Pasqua grandi, dolci…quello che volete!

Un consiglio: disegnate una mappa del vostro giardino o stanza in modo da potervi ricordare i nascondigli!

La Pasqua è un momento di festa e questo gioco divertirà certamente grandi e soprattutto piccini!

 

Buona Pasqua a tutti da:

Gruppo Giodicart

 
Riferimenti:

I simboli della Pasqua

I simboli della Pasqua

La curiosità dei bambini è immensa e le loro domande sono sempre tante. Ogni giorno sentiamo pronunciare da loro “Mamma perché si fa questo?” “Papà cosa significa questo?”…

Oggi cercheremo di darvi qualche spunto per rispondere alle domande dei vostri bambini sul tema della Pasqua.

Conosciamo benissimo i simboli pasquali presenti nelle nostre tradizioni e tramandate di generazione in generazione. Analizziamoli insieme e vediamone il significato che ogni simbolo ha:

  • Uova: rappresentano il sepolcro di Cristo che risorge e sconfigge la morte. Ecco perché a Pasqua ci si scambia l’uovo con sorpresa dove questa simboleggia la resurrezione di Cristo.
  • Colombe: come scrive la Bibbia simboleggiano l’inizio di una nuova vita, lo Spirito Santo, la Resurrezione.
  • Campane: rappresentano la gioa, la festa e suonano per annunciare la Resurrezione.
  • Ulivo: è il simbolo della Pace Cristiana, rappresenta Dio che ” fa la pace” con gli uomini attraverso il dono di suo Figlio Gesù che vince la morte per dare anche a noi la possibilità di risorgere.

Capiamo ora come rispondere alle domande dei nostri Bambini. Continue reading “I simboli della Pasqua”